Chi Siamo Catalogo Novità Appuntamenti Newsletter Contatti


Storia


HIL
Ippolito Langlois ingegnere dell'innovazione a metà tra Francia e Italia

È questo un omaggio per ricordare e testimoniare gratitudine all’Ing. Ippolito Langlois, da parte di un ex allievo, divenuto ingegnere che, per alcuni lustri, ha anche insegnato presso l’Istituto Tecnico Industriale G. e M. di Fermo...

Carlo Cipolletti
FERMO. Storia artistica della città del Girfalco

Il libro parte dal presupposto, formulato da Giulio Carlo Argan, che per studiare l’arte di una città bisogna prima conoscerne la storia.

Olimpia Gobbi
Emancipazione delle donne nelle Marche del Sud
Lavoratrici, monache e migranti fra Settecento e primo Novecento

Come è cambiata la condizione femminile nelle Marche? Attraverso percorsi complessi e originali. Perché l’emancipazione delle donne avviene in modo diverso da nazione a nazione, da regione a regione, da luogo a luogo.

a cura di Paolo Peretti
Vincenzo Sassaroli
il musicista che osò sfidare Verdi

È il volume III della «Trilogia verdiana marchigiana».

Pietro Molini - Paolo Peretti
Cantanti verdiani marchigiani dell'800

È il volume II della «Trilogia verdiana marchigiana».

Pietro Molini - Paolo Peretti
Verdi e le Marche
una ricerca piena di sorprese


È il volume I della «Trilogia Verdiana Marchigiana».

Marco Armellini
Falerone, storia e cronaca di una comunità

Sosteneva Indro Montanelli – indiscusso, eppure al tempo stesso discusso padre del giornalismo italiano – che le prefazioni debbono essere brevi perché altrimenti non le legge nessuno. Così farò, orgoglioso di presentare un libro dedicato a Falerone, mio paese adottivo.

a cura di Laura Strappa
Gli Alberi della Memoria. Il Parco della Rimembranza di Fermo

Questo libro è stato concepito a scuola. Nell’anno scolastico 2013-2014 gli studenti della classe II D avevano espresso il desiderio di “fare qualcosa di utile per la città”.

Giovanni Martinelli
Cento storie nostre

Esistono molti modi per far conoscere e amare la propria storia, sollecitando quel senso di appartenenza che ognuno di noi dovrebbe nutrire.
Ho sempre creduto, convinto di non essere uno storico ma un modesto divulgatore, che fra questi “molti modi” quello del racconto capace di suscitare curiosità è uno dei più efficaci.

Aurelio Manzi - Germano Vitelli
ccordinatore Vermiglio Ricci

Giardini d'aranci sull'Adritico.
L'agrumicoltura nelle Marche: aspetti colturali e artistici

Una decina di anni fa ci siamo ritrovati insieme al botanico, allo storico dell’arte, all’architetto e allo storico ad affrontare una stimolante avventura: individuare i segni ancora leggibili della tradizione agrumicola picena dal secolo XIV ai giorni nostri.
Il territorio esaminato si estende lungo la fascia costiera da Porto San Giorgio a San Benedetto del Tronto, comprensorio un tempo ricadente nell’antico Comitato di Fermo, e lungo le limitrofe località medio-collinari e collinari sino a 500 metri di altitudine sul livello del mare.

Romolo Murri
La Chiesa e i tempi
a cura di Paolo Petruzzi

La chiesa e i tempi è un testo inedito, conservato nell’archivio del Centro Studi “Romolo Murri” di Gualdo (Mc), al quale lo scrittore affida una personale ricostruzione degli avvenimenti che si conclusero con la sua scomunica da parte della chiesa romana.

Filippo Andrenacci
Il Messale de Firmonibus e la pagina miniata della Cavalcata

I cittadini fermani conoscono la pagina miniata che si trova sul retro del foglio 296 del Messale de Firmonibus, perché in essa è raffigurata un’antica tradizione della città: lo storico corteo, chiamato Cavalcata, che si effettuava la sera della vigilia della festa in onore dell’Assunta.

Aldo Chiavari
L'Abbazia di Fiastra, la Rancia e Canalecchio dai Cistercensi alla Fondazione Giustiniani Bandini
Possessioni colonie coloni

Lo spirito che anima il libro è fondato sulla rigorosa documentazione e costituisce una stazione importante nell’ambito della storiografia concernenteil territorio di Abbadia di Fiastra.

Silvia Gaetani
La Marca nella geopolitica del XVI secolo fino alla battaglia di Lepanto

Questa “narrazione” è frutto di una minuziosa e lunga ricerca sulle fonti storiche e quindi su materiale autentico, che è alla base della disciplina “Storia” e il cui orizzonte di riferimento è una filosofia della storia.

Marco Moroni
Castelfidardo da castello a città

Divenuta dopo la battaglia del 18 settembre 1860 uno dei luoghi simbolo dell’unità nazionale, Castelfidardo è stata elevata a città nel 1988 per i meriti acquisiti nello sviluppo economico dell’Italia postunitaria...

Benedetto Verdicchio
DAL CARSO AL PIAVE
Diario e Memorie di un combattente della Grande Guerra 1915-1918
a cura di Pietro Molini

Il Diario di Benedetto Verdicchio è stato pubblicato nella ricorrenza del Centenario della Grande Guerra su iniziativa delle nipoti Sabina e Giuliana Verdicchio

Giovanni Martinelli
Altri 100 illustri
Personaggi del Fermano

«Cento fra tanti. Senza alcuna pretesa di considerarli i maggiori o i soli. Magari soltanto i “primi cento” di un lungo elenco che, mi auguro, avrà altre tappe». Chiudevo così la presentazione del libro dei “primi” 100 Illustri del Fermano.
Così riapro questa edizione. Cento ancora, sempre fra tanti.

Giulio Fratini - Paolo Peretti
I Gregori
Cembalari elpidiensi

I Gregori rappresentano l'esempio della genialità e dell'intraprendenza della gente del territorio, arrivando a ricavarsi uno spazio imprenditoriale in campo musicale: da lavoratori del legno a restauratori, infine a costruttori di cembali per generazioni nella loro bottega di Sant'Elpidio.

a cura di Ugo Gironacci
Gazzetta della Marca
primo settimanale d’informazione regionale
nelle Marche pontificie d’
ancien régime

La «Gazzetta della Marca» veniva stampata a Macerata da Antonio Cortesi e Bartolommeo Capitani che, oltre a essere tipografi, editavano libri e possedevano una fornita libreria.
Edita dall’aprile 1785 al giugno 1788, la Gazzetta era venduta in abbonamento da sottoscriversi per posta o presso gli incaricati dislocati in varie località delle Marche.

Chiara Donati
Un eccidio nazifascista nelle Marche.
Montalto, 22 marzo 1944

Nel contesto della «guerra totale», secondo la definizione data dalla storiografia alla Seconda guerra mondiale, si è verificato uno dei più cruenti e tragici episodi di violenza che contrassegnarono la regione marchigiana nel corso dei duri mesi di lotta e d’occupazione. Il libro ricostruisce l’eccidio di Montalto, una tragedia che ha segnato la comunità di Tolentino, che il 22 marzo 1944 perse la sua «meglio gioventù».

Giulio Rufo Clerici
Il caso Corsi e la criminalità politica nello Stato pontificio

1848: comportamenti intimidatori, atti vandalici e aggressioni cruente persorsero le Romagne, il Lazio, l'Umbria e le Marche.
Don Michele Corsi venne trovato davanti alla sua abitazione, trafitto da 7 coltellate, il 28 febbraio 1849.
La gente commentava gli avvenimenti e discuteva di politica all'aperto, a teatro, nei circoli e nei bar. Ma la notte risuonava di vetri frantumati, di grida ostili e di passi frettolosi.

Giacomo Maranesi
La chiesa di San Pietro a Fermo e il polittico disperso

Un recente restauro, svoltosi tra il giugno e il settembre 2010, ha fatto tornare a nuova vita il portale della chiesa di San Pietro in Penna (dal lat. pinna, roccia, rupe) a Fermo. Questo testo di Giacomo Maranesi, laureato in Teoria e Tecnica della Conservazione dei Beni Culturali presso l’Accademia delle Belle Arti di Macerata, ha il merito di riaccendere i riflettori sull’intero edificio (il cui ingresso è sito in via Lattanzio Firmiano), che costituisce un vero e proprio «scrigno d’arte» da riscoprire.

Wolfgang Hagemann
Studi e documenti per la storia del Fermano nell'età degli Svevi (secoli XII-XIII)
a cura di Francesco Pirani

Michele Catalani
De Ecclesia Firmana
I vescovi e gli arcivescovi della Chiesa fermana
Commentario - secc. III-XVIII
traduzione, introduzione e note Emilio Tassi



a cura di Massimo Temperini

La Cavalcata dell’Assunta e la città di Fermo
storia - arte - ritualità - araldica

La pubblicazione ha un contenuto prevalentemente storico-artistico. Non parlerà del primato di antichità della rievocazione fermana, per altro attestato da documenti che si propongono in appendice, ma dell’unicità e originalità di un momento storico al quale con orgoglio e con fedeltà essa si richiama.

Filippo Andrenacci

La Festa di Santa Maria a Fermo
dal medioevo ai giorni nostri

Non è facile descrivere la festa dell’Assunta perché l’evento si è svolto per molti secoli, dal medioevo fino ai nostri giorni...

Giovanni Martinelli
100 illustri
Personaggi del Fermano

Cento. Cento fra tanti, scelti per aprire un piccolo varco nella memoria storica locale. Cento «medaglioni» nel ricordo di figure che, ognuna nel suo specifico, hanno contribuito a far crescere questo territorio.

Atlante storico del territorio fermano
con testi di Lucia Medei, Stefano Papetti, Luigi Rossi
tavole storiche di Tommaso Fattenotte

L’Atlante storico del territorio fermano si connota come una pubblicazione fondamentale per tracciare un profilo culturale e sociale di un territorio dinamico, dalla straordinaria operosità della propria forza lavoro, ricco di eccellenze imprenditoriali e di talenti che, con la nostra azione, cerchiamo quotidianamente di valorizzare.

Paolo Bartolomei - Bruno Ficcadenti
La provincia di Fermo
dalla soppressione alla ricostituzione (1860-2009)

È l’unica pubblicazione che, grazie a una scrupolosa ricerca delle fonti dell’epoca, descrive in maniera molto dettagliata tutti gli avvenimenti politici e di cronaca relativi alla cancellazione della provincia di Fermo, nel 1860 a opera del penultimo governo Cavour, fino al 1876, quando fu fatto l’ultimo concreto tentativo parlamentare per riportare a Fermo il capoluogo.

Maura Iacopini
Bagliori di pace in tempo di guerra.
Fermo 1944-1946

È un libro diverso da tanti altri scritti sulla guerra. Un libro nel quale a narrare la Storia sono tante storie, storie di testimoni di un’epoca drammatica, di un suolo italiano e di una terra fermana duramente provati…

Giulio Rufo Clerici
Processare l’immoralità.
Reati contro la religione e il buon costume nello Stato Pontificio.
Fermo 1830-1860

Il periodo dal 1830 al 1860 è denso di avvenimenti. Sono gli anni del Risorgimento, di cui abbiamo, ormai, un’immagine consolidata. Il Risorgimento, tuttavia, ha anche altri protagonisti, uomini e luoghi importanti forse solo per un episodio, o per un gesto.

Lucio Tomei et alia
Giochi tornei e sport
dal Medioevo all’età contemporanea

L’idea di organizzare un convegno che si occupasse della storia degli archivi e dello sport scaturì da una riunione del Consiglio Direttivo Regionale dell’Associazione Nazionale Archivistica Italiana Sezione Marche; infatti si desiderava trovare un tema nuovo da analizzare e proporre: la realtà cambia e così è giusto rivolgere l’attenzione e l’interesse verso quegli archivi di più recente formazione.

Delio Pacini
Mogliano e i «Da Mogliano nella storia».
Dalle origini al secolo XVI

La storia di Fermo, infatti, costituisce lo sfondo in cui si collocano le vicende di Mogliano, il più ragguardevole degli oltre cinquanta castelli soggetti alla giurisdizione fermana, ed in cui si distinguono alcuni dei signori da Mogliano, come Fildesmido, l’esponente più in vista della classe signorile marchigiana nella prima metà del secolo XIII, e Gentile il Grande, signore di Fermo per un decennio negli anni mediani del secolo XIV.

Virginia Teodori
Giovan Battista Carducci
architetto fermano (1806-1878)

Giovan Battista Carducci architetto e intellettuale tra i più attivi e impegnati nei decenni di mezzo del secolo scorso e tra i pochissimi, del suo tempo, che seppero imporsi per la chiarezza degli assunti teorici, per la vastità degli orizzonti di ricerca, la sofisticata capacità professionale, la dimensione determinante e per niente affatto provinciale del contributo progettuale, la lucidità del programma ideologico, la passione civile.

a cura di Vera Nigrisoli Warnhjelm
La regina Cristina di Svezia e Fermo

FUORI CATALOGO

Delio Pacini
Per la storia medievale di Fermo e del suo territorio.
Diocesi Ducato Contea Marca
(secoli VI-XIII)

I lavori qui riuniti, infatti, come appare dal titolo del volume, cercano in particolare di far luce su insediamenti, istituzioni e vicende riguardanti il territorio soggetto alla città di Fermo, centro d’importanza amministrativa e culturale nel medioevo nonché sede di antica diocesi, di ducato longobardo, di contea e di marca.